Sedico, 1 e 2 giugno 2019

Valbelluna Basket – U.S. Hesperia: 75 – 74

Parziali: 20 – 14, 12 – 17, 16 – 23, 17 – 11, 10 – 9 (o.t.)

Valbelluna Basket: Forcellini 2, Bristot 8, Colferai 16, Da Rold 21, Tufano, Pison 14, Virtuoso 12, Agostini, De Toffol, Fantacuzzi 2 (all. Piazza)

Le Final Four del Trofeo Primavera quest’anno si giocano fra le mura amiche della palestra di Sedico.

Il Valbelluna nella prima semifinale affronta la squadra trevigiana US Hesperia.
La gara è caratterizzata per tutta la durata da continui capovolgimenti di fronte, giocata da entrambe le parti a viso aperto, la posta in palio è alta e nessuno cede .
A un secondo dalla fine dei tempi regolamentari i nostri sono avanti di 3 punti, il tiro dalla lunga degli avversari per tentare il pareggio non centra il canestro, ma il fischio arbitrale concede una seconda chance agli avversari che con estremo sangue freddo riescono a concretizzare. Bravi.

L’ over time che ne segue rispecchia tutta la partita, gli episodi decidono chi va in finale e stavolta ai liberi finiamo noi e con un solo punto di vantaggio andiamo meritatamente in finale.

 

Valbelluna Basket – Pall. Mirano: 54 – 51 (finale)

Parziali: 15 – 12, 15 – 13, 9 – 14, 15 – 12

Valbelluna Basket: Virtuoso 6, Da Rold 11, Pison 10, Colferai 10, Quariglio 16, Tufano, Bristot, Agostini 1, De Toffol, Fantacuzzi (all. Piazza)

In finale affrontiamo il Mirano uscito vittorioso dalla seconda semifinale contro Casier.
Secco 10 a 0 del Valbe. Risposta 0 a 11 del Mirano. Le squadre in campo danno vita a una finale ricca di emozioni da entrambe le parti. I nostri sembrano patire le stanchezze fisiche della semifinale.  Non riusciamo a essere padroni della nostra area i rimbalzi al 90 % sono a favore degli ospiti. Nonostante queste defezioni per fortuna con la testa siamo lucidi, le nostre azioni sono efficaci e riusciamo contrastare gli avversari. Arriviamo in perfetta parità all’inizio dell’ultimo quarto 39-39 segna il tabellone.

La stanchezza oramai la fa da padrona in entrambe le formazione tant’è che molti sono i falli e i conseguenti tiri liberi. Noi siamo più bravi nel gioco corale e questo alla fine ci premia. Vinciamo 54 a 51 e concludiamo così una stagione molto positiva sotto tanti aspetti.

Il capitano Da Rold alza la sudatissima coppa e poi festa. Tutti attorno al compagno Colferai per ringraziarlo per questi anni insieme e salutarlo, visto il suo prossimo cambio di residenza augurandogli ogni meglio in terra lombarda con la sicurezza di rivederci ogni tanto e magari fare ancora qualche tiro insieme.